fbpx

La Strategia di marketing di Salvini, la copia italiana di Donald Trump

27 Gennaio, 2019

La strategia di marketing di Salvini è una tra le più banali di sempre, ma non possiamo non concedergli i complimenti per l'esecuzione.

Il marketing politico è un argomento piuttosto interessante, perché prende in considerazione una quantità infinita di dati.

Molti di più di quelli per cui la gente si preoccupa online, come visite a siti web e cose simili. Per esempio, Trump ha utilizzato i servizi di Cambridge Analytica per scovare una FRASE che gli avrebbe portato più elettori.

Trovare una FRASE adatta agli elettori non è un lavoro che si fa con i sondaggi, ma con uno scraping massivo di una mole disumana di dati.

Si può dire che Donald Trump abbia vinto grazie a dei bot.

Ma Matteo Salvini? Come ha fatto a diventare chi è ora? E ora, come sta continuando la sua campagna di marketing per rimanere sulla poltrona di Ministro dell'Interno?

Cerchiamo di analizzare come lui e Di Maio sono arrivati dove sono ora.

Indice

1) Gli obiettivi del marketing politico
2) Il Marketing del "No"
3) Il Marketing della Decostruzione Statistica
4) La Questione Migranti (e come hanno fatto vincere Salvini)
5) Il Marketing del Brand
6) I numeri del Ministro dell'Interno Matteo Salvini

a) Matteo Salvini su Facebook
b) Matteo Salvini su Google
c) Matteo Salvini su Instagram

7) I contenuti di Salvini
8) Conclusioni

Gli Obiettivi del Marketing Politico

strategia-di-marketing-matteo-salvini

Come potrai ben intuire, la strategia di marketing di Salvini non è la stessa di quella di Coca Cola, per dire.

Ci sono regole ben precise nelle campagne di marketing politico, e il motivo è semplice: la loro conclusione decide chi governerà un Paese.

Quindi non solo le responsabilità di chi lancia il messaggio sono estremamente più alte, ma anche le regole per la pubblicità di tali messaggi è più controllata ed esclusiva.

Io da sempre evito di accettare come clienti politici.

Per due motivi

  • non riesco a lavorare per qualcuno con cui non condivido niente, e spesso nell'area politica succede che arrivino richieste di questo tipo;
  • non mi piace pensare che potrei essere la causa di un disagio sentito da migliaia se non milioni di persone.

L'obiettivo del marketing politico è per natura ingannevole.

Come puoi convincere MILIONI di persone a votare lo stesso leader di partito (che alla fine è l'unico che si vota votando un partito) se non tramite benefici inesistenti, notizie esagerate e promesse inconsistenti?

Non puoi, semplice.

Ma Salvini e Trump sono andati molto, molto oltre. Il team di Marketing di Salvini ci costa 314mila euro annui. E c'è un motivo.

Il Marketing del "No"

La Lega e il Movimento 5 Stelle hanno da sempre utilizzato il marketing del bastion contrario.

Questa tipologia di marketing è comune nelle strategie difensive, quando succede qualcosa di inaspettato o gravemente diffamatorio.

Faccio un esempio personale.

Se qualcuno mi accusasse, per esempio, di acquistare commenti (cosa che assolutamente non faccio e mai farò, piuttosto rimango invisibile), io dovrei difendermi.

Se io acquistassi DAVVERO commenti, non potrei dire "non è vero". Perché lo è.

Ma potrei dire "tutti acquistano commenti, e ora mi stanno attaccando evitando di parlare dei VERI problemi".

Si tratta di una delle tecniche più comuni al Mondo per cambiare il focus su qualunque cosa.

Il Movimento 5 Stelle e la Lega sono diventati famosi per utilizzare questa tecnica fino a saturazione con il PD quando era al Governo.

Il Marketing della decostruzione statistica

marketing-politico-salvini

Spesso parte del marketing "per il popolo", il marketing che si basa sulla decostruzione statistica è un marketing che esclude, ignora e ridicolizza i dati.

Salvini e Trump sono due leader Internazionali a riguardo.

Trump fece una grande campagna per salvare i minatori con varie promesse false, ignorando totalmente gli effetti disastrosi che avrebbe avuto finanziare solo energie non rinnovabili.

Le statistiche erano disponibili da tempo, ma Trump continuava a ripetere che lui "lavorava per la gente"; ovvero per le case petrolifere che volevano continuare a sfruttare la gallina dalle uova d'oro.

Salvini ha da sempre usato la decostruzione statistica sui migranti, fino a farli percepire come l'argomento politico più rilevante sotto ogni punto di vista:

  • lavoro (ce lo rubano!)
  • soldi (gli diamo 35€ al giorno!)
  • relazioni (stuprano le nostre donne!)
  • sicurezza (ci uccidono!)

Sono tutte cose che sentiamo vicine, risiedono nei bisogni primari dell'essere umano.

Per questo motivo, quando queste cose non vanno come vogliamo, abbiamo bisogno di un caprio espiatorio.

La Questione Migranti (e come hanno fatto vincere Salvini)

salvini-marketing-migranti

L'essere umano adora da sempre dare la colpa dei suoi problemi ad altri, che questi siano oggetti, professioni, o individui.

Nel 2009 Salvini insultava i Napoletani, che erano il capro espiatorio per giustificare la mancata crescita esponenziale a livello economico italiano.

Ma i Napoletani hanno e avevano un problema: sono italiani e sono rappresentati, a livello locale e governativo. Per cui non erano un ottimo capro espiatorio.

I Migranti invece non hanno nulla. Nessun diritto e nessuna rappresentanza. Molti non sanno nemmeno la nostra lingua.

Per dire, questo è un grafico che mostra la percezione statistica del numero degli immigrati (quelli regolarissimi) contro l'effettiva statistica in Unione Europea:

Gli immigrati (NON i migranti) in Italia sono il 6% della popolazione, mentre gli italiani pensano siano il 24% (1 su 4).

Secondo un'analisi dell'Istituto Cattaneo ripresa da EuroNews, tra l'altro, risulta che:


All'aumentare dell'ostilità verso gli immigrati, aumenta anche l'errore nella valutazione sulla presenza di immigrati nel proprio Paese [...] l'Italia si conferma il Paese collocato nella posizione più 'estrema', caratterizzata dal maggior livello di ostilità verso l'immigrazione e le minoranze religiose

Ricerca Istituto Cattaneo

Ovviamente, non puoi vincere le elezioni semplicemente ingannando la percezione pubblica su un numero, ma devi attirare ansie, paure e risentimento verso queste persone.

IlSole24Ore indica che " I risultati hanno trovato che nel 2017 gli italiani risultano di gran lunga il popolo meno tollerante in Europa occidentale". Non solo, anche la religione della maggioranza di questi individui deve essere cattiva, altrimenti ci potrebbe essere un punto di dialogo negli istituti religiosi. Per questo, IlSole24Ore riprende Pew Research per " troviamo per esempio che un italiano su quattro dice che non accetterebbe un ebreo come membro della propria famiglia, il 43% non accetterebbe un musulmano. Si tratta in entrambi i casi dei valori maggiori fra tutti i paesi censiti".

La propaganda anti-immigrati, e specificatamente anti-migranti, anche percepita da me personalmente come la miglior campagna d'odio dai tempi della monarchia probabilmente, non finisce qui.

Perché quei dati che ho presentato saranno anche ignorati dal Ministro (che ovviamente non li ignora davvero, anzi, ma ne parliamo dopo), ma perché sono ignorati anche dalla popolazione?

Wired ha dimostrato che le partenze dei migranti non hanno alcuna correlazione con l'aiuto delle ONG

Anche L'espresso ha trattato l'argomento delle morti in mare e di come l'interesse stia diminuendo data l'intolleranza diffusa e accettata a livello Governativo

Ma il motivo per cui gli elettori di Salvini ignorano questi dati è il terzo punto fondamentale nella sua campagna di marketing.

Il Marketing del brand, e il potere distruttivo che ne deriva

brand marketing salvini

Se io dicessi che i giornalisti sono puttane non solo non riceverei alcun elogio o assenso, ma mi potrebbero arrivare denunce a non finire per anni a venire.

Perché io non sono nessuno a livello politico.

Se lo dicesse un membro della Lega random, sarebbe comunque non rilevante.

Ma se i leader di un partito lo lasciano dire ai loro sottoposti, non assecondando i termini ma i concetti, ecco che entra in gioco il posizionamento del brand.

Salvini da sempre accusa di Fake News i giornalisti, così come ha fatto Trump quando toccava a lui essere smentito.

Il lavoro dei giornalisti è un lavoro scomodo per chi utilizza il marketing della paura, perché al contrario della "politica del popolo" i giornali usano dati, statistiche, ricerche, approfondimenti.

Sono il naturale nemico delle associazioni facili, del linguaggio da quarta elementare e dell'eroismo sui social.

Per questo è bene attaccarli, soprattutto quando bisogna sostenere notizie false (come i 35€ dei migranti).

Ma da dove arriva il brand di Salvini? e come funziona? cosa c'entra con le foto delle brioche e le divise da pompiere?

I Numeri del Ministro dell'Interno Matteo Salvini

Uno dei presupposti principali per essere rilevante a livello di brand è schiacciare i tuoi avversari sui social media.

Sì, hai letto bene, social media, non tv e giornali, e neanche autorità.

La Clinton aveva il supporto di tutti gli intellettuali americani, ma Trump aveva il supporto dei fanatici di Facebook, che lo hanno fatto vincere.

Matteo Salvini su Facebook

Dati ricavati da LikeAlyzer

Matteo Salvini ha una media di 6.7 post pubblicati ogni giorno su Facebook, ovvero uno ogni 2 ore se si considera una giornata lavorativa di circa 13 ore.

Per dare un'idea dell'impatto, 990.352 mila persone parlano della pagina. Questa metrica segnala quante persone hanno interagito con una pagina o con i suoi contenuti negli ultimi 7 giorni.

Come detto ha 3,4 milioni di mi piace e, soprattutto, un engagement rate del 29%. Questa metrica è calcolata in percentuale alle persone che interagiscono con il numero totale di like (in questo caso, 3.394.903 x 0.29)

Per dare un'idea, queste sono invece le metriche della pagina di Renzi

Tralasciando la mera mole, notiamo che il tasso di interazione è meno della metà di quello di Salvini.

Non sfugge alla trappola di Salvini neanche il suo socio di Maio, che presenta una situazione simile a Renzi

Che ha numeri più rilevanti di Renzi ma continua a mancare di interesse verso il suo pubblico, totalizzando il 12% di interessati su un totale di 2 milioni di mi piace.

Salvini è in assoluto il politico più seguito sui social in Italia, e non ha nessun rivale all'orizzonte.

Matteo Salvini su Google

Facebook non è l'unica piattaforma su cui Salvini mostra i muscoli del populismo moderno, ma anche le ricerche Google ci fanno intuire come abbia fatto a diventare il leader politico più stimato.

Questi sono i dati delle ricerche Google relative al leader della Lega:

Come vedi, tra gennaio e maggio 2018 erano quasi allo stesso livello, poiché il Movimento 5 Stelle aveva ancora la trazione maggiore come partito.

Tuttavia, la situazione ora è ribaltata, in quanto Salvini supera costantemente di diversi punti percentuale di Maio. E non lo fa solo in determinate parti d'Italia, com'era nel passato:

Ogni Regione d'Italia, Campania compresa (testimonianza che gli errori non vengono puniti molto, ecco perché si può ancora usare il marketing della sofferenza), cerca più Salvini che di Maio.

Come ultimo paragone prima di passare oltre, paragoniamo Salvini a Conte, l'attuale Ministro del Consiglio (quindi, politicamente dovrebbe essere più rilevante di Salvini, ma non funziona così nel 2019).

Tieniti stretto o stretta alla sedia, perché questa statistica ti farà capire quanto la politica sia social al giorno d'oggi e quanto la strategia di marketing di Salvini abbia funzionato bene.

L'unico picco per Conte è stato a fine Maggio 2018. Per chi non se lo ricordasse, quello è stato il momento in cui è spuntato fuori dal nulla.

Ciò significa che ha superato Salvini perché la gente non sapeva neanche chi fosse. Dopo di che è iniziato il declino nelle ricerche, e ora a malapena interessa a qualcuno.

E stiamo parlando del Presidente del Consiglio dei Ministri Italiano.

Matteo Salvini su Instagram

L'ultimo social in esplosione che vorrei analizzare a riguardo di Salvini è Instagram.

Vediamo un attimo i suoi numeri, e questa volta sono ancora più interessanti.

Su Instagram Salvini fa fatica a farsi notare. Infatti, anche se ha 1.2 milioni di followers, solo il 2.42% interagisce con i suoi contenuti.

Questo è dovuto a quattro fattori principali:

  • I marketers che ha scelto si soffermano su piattaforme più in target con l'audience dei votanti (Facebook e Twitter)
  • Posta troppo spesso contenuti poco interessanti per il pubblico di Instagram
  • I giovani hanno votato per i 5 stelle (il voto generazionale), quindi non avrebbe particolare senso per lui focalizzarsi su Instagram
  • I giovani seguono poco la politica sui social

Tuttavia, Salvini è in assoluta crescita anche qui

Dati presi da Ninjalitics

Si prospetta un futuro roseo per lui anche su questo social network.

I Contenuti di Salvini

contenuti matteo salvini

Salvini è diventato famoso per indossare divise delle forze dell'ordine e di volontari per la salute pubblica.

I motivi principali sono:

  • crea proteste tra chi non lo sostiene sui giornali, aumentando la sua popolarità
  • aumenta la sensazione di vicinanza da parte del popolo
  • migliora la sua immagine agli occhi degli indecisi
  • fa creare contenuti da terzi senza alcun impegno da parte sua

Non solo posta divise delle forze dell'ordine, ma posta momenti quotidiani come la colazione, la cena, le amicizie, le strette di mano.

Questo concetto è simile alla decostruzione delle statistiche, perché annulla l'interesse cittadino verso l'oggettività per basare tutto sull'empatia.

Lo spread? Se lo mangia a colazione.

Non ci sono i fondi? Gli italiani vogliono lavoro non numeri sulla carta.

L'Europa non può accettare? Accetteranno, ve lo dico io.

Sono frasi che noi diremmo solo in amicizia, ed è questo l'esatto motivo per cui Salvini le utilizza anche da politico.

Conclusioni

Questo non voleva essere un articolo "pro" o "contro" il Ministro dell'Interno né una analisi sulle sue politiche.

Quello che volevo dimostrare era il modo in cui il marketing politico può manipolare le menti degli elettori a livelli in cui il marketing commerciale non potrà mai arrivare.

Non solo, volevo far comprendere quanto l'attenzione verso l'approccio ingannevole di questa tipologia di marketing debba aumentare, per difendersi da poteri forti decisi da bot su Facebook che di certo non rappresentano la maggioranza del Paese.

La strategia di marketing di Salvini prosegue a gonfie vele, e dimostra che i social network nella politica stanno diventando sempre più rilevanti.

La politica si nutre del consenso della popolazione, e il modo in cui il consenso viene elargito, manipolato e manifestato cambia nel corso del tempo.

In questo momento, i social sono il terreno di battaglia della politica.

Mi piacerebbe molto sentire pareri, opinioni e ulteriori statistiche riguardo il marketing politico di Salvini nei commenti. Sarebbe inoltre stupendo se qualcuno di voi cari lettori potesse lasciarmi un feedback su questa "serie", perché trovo interessante un'analisi dei profili politici di spicco lato digital..

PS: se a qualcuno interessassero dei servizi di marketing non ingannevoli, io ne ho una lista completa 😉

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram